Could not load widget with the id 55.

KIT PER IL PRELIEVO

Scritto da Super User on . Postato in Uncategorised


Il kit di prelievo è stato creato per dare la possibilità di eseguire il prelievo dei campioni biologici necessari per l'esecuzione del test genetico in completo anonimato, nel rispetto della privacy dei pazienti, evitando così la necessità della loro presenza in laboratorio creando stress o ansietà in particolar modo per il bambino. 

Il kit di prelievo è costituito da tre buste etichettate (PADRE, FIGLIO/A, MADRE), all'interno delle quali sono presenti due tamponi orali sterili  (citobrush) e sigillati, ed un foglio di istruzioni ben dettagliate. 

Per l'indagine di paternità sono sufficienti i prelievi del padre e del figlio/a .

E’ sufficiente strofinare i tamponi per qualche secondo nella pareti  interne delle  guancie per ottenere cellule salivari da cui estrarre il DNA.

Il prelievo è completamente indolore e di semplicissima esecuzione.

I tamponi vanno reinseriti nelle loro proprie  bustine come da istruzioni e inviati al nostro laboratorio tramite busta da noi fornita.

Il Kit di prelievo è gratuito e non vincola chi lo richiede o lo riceve alla esecuzione del test. Il kit può essere inviato direttamente ai soggetti che ne fanno richiesta, presso un indirizzo comunicato dai pazienti o anche un fermo posta.

Il kit viene spedito in una busta non intestata, in maniera tale da non far comprendere dall’esterno la provenienza ed il contenuto della busta.

Il test di paternità effettuato mediante il Kit di prelievo ha esclusivamente un valore informativo e fornirà esclusivamente un risultato circa la compatibilità o non compatibilità genetica tra i campioni biologici in esame.

Il risultato ottenuto non potrà avere valenza giuridica, e quindi non potrà essere prodotto come prova in sede di giudiziale, non essendo stata accertata l'identità dei soggetti da cui provengono i campioni biologici ed acquisite le necessarie autorizzazioni.

COME INVIARE I CAMPIONI

Scritto da Super User on . Postato in Uncategorised

Il criterio fondamentale affinché un campione biologico arrivi “sano” a destinazione è quello di non farlo ammuffire. Ciò si potrà impedire evitando che si formi della condensa nella confezione. Il problema di evitare processi di deterioramento del campione biologico si presenta soprattutto nei mesi caldi, ma si consiglia, comunque, di utilizzare come contenitore del campione sacchetti di carta (tipo sacchetto del pane). Questo vale per tutti i campioni che contengono materiale biologico (es. fazzoletto con muco o altri liquidi biologici, slip o altri indumenti con tracce di liquidi biologici).

Per spedire capelli o peli si ritiene valido sia il sacchetto di carta che quello in plastica, anche ermeticamente chiuso.

Riguardo i tamponi per il prelievo di saliva (tampone buccale) o utilizzati per repertare gocce di sangue o qualunque altro liquido biologico, utilizzare gli appositi tamponi sterili già dotati di contenitore, acquistabili in farmacia. Per evitare l’insorgere di muffe, si suggerisce di non chiudere la provetta in cui va infilato il tampone prima che il liquido repertato sia seccato; a tal fine, riporre le provette con il tappo aperto in luogo asciutto e pulito (in modo da non inquinare le tracce repertate) per un tempo sufficiente a far essiccare il liquido sul tampone.

In caso si repertino abbondanti tracce biologiche “fresche” (ossia ancora liquide e in buono stato di conservazione), si consiglia di congelare l’oggetto su cui si trova la traccia (es. preservativo contenente sperma ancora liquido, contenitore con sangue fresco etc.), in modo da evitare qualunque alterazione del prodotto.

In caso si raccolgano più campioni, di uguale o diversa natura, evitare il contatto fra loro e confezionarli sempre separatamente.

ANALISI TOSSCIOLOGICHE

Scritto da Super User on . Postato in Uncategorised

L’analisi tossicologica svolta al fine di accertare l’assunzione di sostanze stupefacenti da parte del soggetto a cui appartiene il campione, consiste in un test che permette di affermare se e quale sostanza è presente nel campione stesso (analisi generica).

In particolare, se eseguito su capelli, il test può essere condotto procedendo con due metodiche diverse e all’analisi generica si aggiunge l’analisi temporale al fine di rispondere a due diversi interrogativi:

1. il soggetto ha assunto sostanze stupefacenti? E, se si, quali sostanze?

2. il soggetto ha assunto sostanze stupefacenti? E, se si, quali sostanze e a che periodo risale l’assunzione?

Il primo quesito è risolto dall’analisi generica.

Il secondo quesito è risolto dall’analisi temporale.

Per una corretta esecuzione dell'analisi è necessario, in entrambi i casi, un quantitativo di circa 50 mg. di capelli, corrispondente ad una ciocca (un mazzetto) di diametro di circa 5 mm. Non occorre la presenza di bulbo e pertanto i capelli possono essere direttamente tagliati dalla cute oppure raccolti da spazzola, pettine e/o da qualunque oggetto o luogo in cui se ne trovino. Si raccomanda di fare attenzione al fatto che i capelli repertati appartengano tutti al soggetto nei confronti del quale si vuole svolgere l'analisi.

PATERNITA' IN CASI COMPLESSI

Scritto da Super User on . Postato in Uncategorised


Oltre ai classici casi nei quali è tipicamente un trio madre, figlio e presunto padre Genetics & Co. tratta anche casi atipici, per i quali sono necessari strumenti analitici particolari.


Tra i possibili esempi:

Casi deficitari

Sono così denominati i casi in cui viene richiesta la determinazione della paternità in assenza ad esempio della madre, oppure quando lo stesso padre presunto non è disponibile per gli accertamenti. In queste circostanze è possibile analizzare campioni biologici di parenti della madre e/o del presunto padre e determinare, in base a valutazioni statistiche il corrispondente valore di probabilità di paternità.

Incesti

Si tratta di circostanze molto particolari e le analisi possono rivelarsi particolarmente complesse nei casi di compatibilità, per la condivisione di parte del genotipo del genitore incestuoso con quello della figlia naturale. In genere è necessario estendere l’analisi anche ad altri marcatori, oltre a quelli di protocollo ordinario.


Riesumazione

Genetics & Co. esegue anche analisi su tracce molto degradate rendendo possibile l’esame di molti casi in cui il padre presunto è ormai da tempo deceduto. In tal caso i materiali biologici sui quali è possibile condurre con una certa tranquillità le analisi sono le ossa e i denti, nei quali i fenomeni di degradazione del DNA procedono con relativa lentezza.

Indagini di maternità

Tale accertamento viene richiesto nel caso in cui si voglia verificare la maternità biologica. Ad esempio nel caso di fecondazione assistita, nei casi di test di consanguineità (volti all’ottenimento del diritto di ricongiungimento familiare per i cittadini exstracomunitari) o nei casi di scambio alla nascita. Tale test può fornire risultati accurati e affidabili anche in assenza della disponibilità del padre biologico. In tal caso verranno analizzati un numero di sistemi maggiore ed i risultati ottenuti sono comparabili a quelli derivati dall’analisi del padre / figlio e madre: esclusione di maternità pari al 100% ed attribuzione della maternità superiore al 99% 
Identificazione personale : tale accertamento consiste nella determinazione individuale del profilo polimorfico del DNA che rappresenta un sistema altamente specifico per l’identificazione personale comparabile al rilievo delle impronte digitali. La “carta d’identità” genetica è utilizzabile in tutte le situazioni che necessitano della identificazione certa di un individuo.

L’analisi richiede un prelievo di sangue periferico/tampone boccale e determinazione del profilo polimorfico del DNA.

Archivio banca del DNA : poiché il DNA contiene tutte le informazioni genetiche altamente specifiche per ogni individuo che rimangono invariate per tutta la vita il materiale genetico accuratamente conservato potrà essere utilizzato in qualsiasi momento ed in situazioni in cui , in assenza della disponibilità dell’individuo, si abbia la necessità di derivare le sue caratteristiche genetiche per la soluzioni di particolari situazioni.

Tale servizio consiste nel prelievo di sangue periferico, estrazione del DNA e sua conservazione.  


PATERNITA' LEGALE

Scritto da Super User on . Postato in Uncategorised


Affinché il test di paternità abbia valenza legale, è indispensabile l’identificazione dei soggetti che si sottopongono a questo tipo di accertamento ed è inoltre necessario acquisire una serie di autorizzazioni che le parti interessate forniranno, mediante la compilazione di un apposito modulo fornito dal Ns. Centro

Nel caso di minorenni non emancipati, il centro richiede una esplicita autorizzazione all’esecuzione del test che dovrà essere rilasciata da parte degli esercenti la patria podestà

Nel caso in cui i figli sono minorenni solitamente, per eseguire l’accertamento è indispensabile che entrambi i genitori (esercenti la patria podestà) diano il consenso è comunque necessario che il genitore esercente la patria potestà (padre o madre) dia il consenso all’esecuzione del prelievo del campione biologico e all’esecuzione dell’accertamento.

Tali procedure sono necessarie ai fini di garantire le parti che si sottopongono al test di paternità, sia al fine di verificare che il test venga eseguito effettivamente sui soggetti dichiarati e sia verificare la reale intenzione delle parti a sottoporsi ad un test che ha come finalità l’accertamento del rapporto di filiazione. Qualora vi fossero motivi di incompatibilità tra le parti, i prelievi di campioni biologici potranno essere eseguiti in tempi e luoghi diversi, purchè non all’insaputa di uno o dell’altro genitore.
Eseguito l’accertamento analitico, Genetics & Co. fornirà alle parti richiedenti una dettagliata relazione tecnica completa di calcolo biostatistico, del calcolo di probabilità di paternità e di cromatogrammi analitici. La stessa relazione potrà essere utilizzata per fini giudiziari, in azioni di riconoscimento/ disconoscimento di paternità.


Per effettuare il test di paternità legale è necessario:

  • per il prelievo a minori, l’autorizzazione di colui/colore che ha/hanno la patria podestà;
  • stato di famiglia e certificato di nascita del minore;
  • fotografia autenticata.

  • per il prelievo agli adulti, il consenso e la conoscenza della finalità dell’accertamento;
  • 
un documento per accertare l’identità degli individui coinvolti nell’analisi.


Non è necessario:

  • 
il prelievo simultaneo degli individui coinvolti;

  • lo stesso tipo di materiale biologico;
  • 
essere a digiuno nel caso di prelievo ematico;
  • 
la richiesta di medici o avvocati.